Page tree
Skip to end of metadata
Go to start of metadata

I test A/B ti permettono di verificare l'efficacia di una o più varianti della stessa email. Nell'email marketing, gli scenari più comuni dell'A/B test sono:

1) test su due o più variazioni dell'oggetto del messaggio email (miglior tasso di apertura)

2) test sul call to action dell'email, ad esempio in una email inserisco un'immagine e nell'altra un link (miglior tasso di click)

Inviando la stessa email, ma con leggere variazioni, si può infatti capire quale versione dell'invio offre un risultato migliore in termini di tasso di apertura o di click.

Ti suggeriamo di scegliere di misurare il tasso di apertura se le versioni delle tue email differiscono solo per l'oggetto. Un oggetto più rilevante produce un tasso di apertura superiore rispetto a tutto il resto.
Il tasso di click è più indicato se le versioni differiscono per il layout, il testo o le immagini nel corpo del messaggio. In questo caso, per esempio, un'immagine più chiara o più scura può portare a una maggiore percentuale di click.  


Ottimizzare un invio con il test A/B

In generale l’A/B test è una tecnica con cui ottimizzare diversi tasselli della propria strategia digitale:

  • Pagine web
  • Campagne Google Ads e Facebook
  • Campagne email.

L’obiettivo? Incrementare le performance, attraverso un confrontotra due versioni dello stesso elemento testato.

Ora restringiamo il campo, e vediamo tutto quello che c’è da sapere sull’attività di A/B testing applicato all’Email Marketing: condurre un A/B test (anche detto split testing) su un’email significa sottoporre due o più differenti versioni dello stesso messaggio a un campione di destinatari, per poi analizzare la reazione a ciascuna versione e determinare quale delle due risulti più performante a livello di metriche


La procedura per fare il test A/B con MailUp è molto semplice:

1) crea i due messaggi su cui effettuare il test.
2) dal menù "Email => INVIA" seleziona in alto a destra "INVIO A/B TEST"
3) seleziona le due varianti del messaggio e la percentuale dei destinatari da destinare all'invio di test
4) scegli se inviare il messaggio che ha ottenuto la miglior tasso di apertura o il miglior tasso di clic
5) seleziona quanto tempo attendere prima di effettuare l'invio conclusivo e scegliere i destinatari.


Saranno accodati tre messaggi: i due di test e un terzo messaggio sarà scelto automaticamente dalla procedura in base alla migliore performance ottenuta.
Per questo motivo non viene visualizzata la tempistica d'invio del terzo messaggio in quanto verrà calcolata direttamente al momento dell'invio della newsletter finale.  E' possibile come estensione creare una matrice di varianti, per esempio testando combinazioni di oggetti e immagini diverse.
Grazie all'analisi multivariata è possibile analizzare molteplici combinazioni senza provarle tutte.

Altre informazioni le puoi trovare in:


  • No labels